La crescente massa monetaria è una gigantesca rapina – Bitcoin può fermarla?

L’economia sta impazzendo: la massa monetaria è in espansione, il prodotto interno lordo è in calo – eppure l’inflazione è al minimo da molto tempo. Com’è possibile? Cerchiamo delle ragioni – e troviamo una ridistribuzione dal basso verso l’alto che minaccia di riportare la società nella ricchezza feudale. Bitcoin Rush e altre crittocittà possono essere d’aiuto. Quando finalmente arrivano in massa come denaro.

L’offerta di moneta nella zona euro

L’offerta di moneta nella zona euro è attualmente in rapida crescita. Rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, in aprile è aumentata dell’8,3 per cento; la massa monetaria M1, che significa all’incirca denaro contante e denaro in conti bancari, addirittura dell’11,9 per cento. Si tratta dell’aumento più elevato dal 2008.

Allo stesso tempo, si prevede un forte calo di oltre il 6 per cento del prodotto interno lordo in Germania. E questo è ancora relativamente lieve. Per Italia, Spagna e Francia, gli economisti stimano addirittura un calo dell’8-11 percento nel 2020.

Ci sono più soldi, ma meno beni. Il buon senso dice che i prezzi devono salire ora. Logico, no? Ma in qualche modo non succede. Al contrario, l’inflazione nella zona euro è scesa allo 0,1% il mese scorso, uno dei più bassi degli ultimi anni.

L’economia è anti-intuitiva. Questo è così confuso che la maggior parte degli esperti non sa più cosa fare. C’è inflazione o deflazione? O le otteniamo entrambe, ma alternativamente?

Stiamo cercando di trovare una spiegazione a questo strano fenomeno.

Il carrello della spesa come disinformazione

Una spiegazione potrebbe essere che l’inflazione è semplicemente calcolata in modo errato. Il calcolo ufficiale si basa su un carrello della spesa che raccoglie le merci che gli esperti ritengono rispecchino le esigenze della vita quotidiana.

Il fatto che l’inflazione sia attualmente così bassa è dovuto principalmente al massiccio crollo dei prezzi del petrolio. Se non si riscalda con il petrolio e si guida una piccola auto, non se ne noterà molto.

Gli economisti dell’Università di Hohenheim ritengono che il carrello della spesa ufficiale non rappresenti le reali abitudini di consumo delle persone. In un’intervista lo chiamano addirittura „disinformazione della popolazione“. Per questo motivo ha allestito un proprio carrello della spesa, il „Chilli Con Carne Index“. Esso registra circa 70 alimenti ed è destinato a rappresentare l’inflazione vissuta dai consumatori comuni. Solo nei primi cinque mesi di quest’anno è stato pari al 7,5%. Se continua così, sarà a due cifre.

Un altro indice alternativo è il „Rapporto di misura dell’oro e della birra“. Esso misura l’aumento dei prezzi dell’Oktoberfest dal 1950. Visto in euro, ha superato in modo affidabile il due per cento e ha raggiunto una media del 3,9 per cento per 70 anni. Il numero di misurazioni che si possono acquistare con un’oncia d’oro ha fluttuato fortemente dal 1950 – un minimo di 46, un massimo di 227 – ma rimane molto più stabile a lungo termine.

Naturalmente, tali serie temporali hanno senso solo se si tiene conto dell’andamento del reddito. Secondo Wikipedia, i salari medi annuali sono aumentati di 25 volte dal 1950, ma solo sei volte dal 1970. Questo avrebbe ridotto il potere d’acquisto reale in misura significativa dal 1970. 50 anni di crescita economica, ma si può comprare meno birra dal reddito ordinario. È una constatazione piuttosto frustrante.

Naturalmente, le statistiche sul reddito sono difficili; si può calcolare con la media o la mediana, e ci sono certamente molte fonti di dati diverse che portano a risultati diversi. Per esempio, si potrebbero aggiungere le crescenti disuguaglianze di reddito, come suggerito dal coefficiente di Gini. In tal caso le fasce di reddito più basse avrebbero dovuto accettare una notevole perdita di potere d’acquisto.

La birra non è tutto ciò di cui si ha bisogno per vivere. Ma è un peccato che si possa comprare meno birra con il proprio reddito nel 2020 rispetto al 1970. La razione di misura di Wiesn in oro mostra chiaramente perché dovreste mettere i vostri soldi in una valuta stabile a lungo termine come l’oro o il bitcoin.